Fotovoltaico

Accumulo fotovoltaico: conviene?

Accumulo fotovoltaico

Si sente spesso dire che un impianto fotovoltaico è una scelta conveniente per la bolletta. Eppure esistono tante soluzioni diverse: il fotovoltaico ad accumulo, ad esempio, o quello classico.

Se è vero che l’energia del sole è pulita, rinnovabile e sempre disponibile, e che l’impianto fotovoltaico è un’ottima idea per risparmiare e per azzerare o quasi le bollette, bisogna anche scegliere comunque il modello ideale per le proprie esigenze. Questo non è sempre facile, perché spesso esistono tantissime soluzioni e non ci si sa orientare al meglio.

Un impianto fotovoltaico è quindi un investimento che va fatto in modo intelligente. Ad esempio un errore classico che si fa quando si sceglie l’impianto ad energia solare consiste nel non controllare la quantità di consumi e la loro collocazione. Basti pensare che un impianto fotovoltaico sovradimensionato costerà di più e produrrà troppa energia per i consumi familiari. Uno sotto dimensionato, al contrario, non produrrà energia elettrica sufficiente e ci sarà la necessità di rivolgersi alla rete elettrica, diminuendo il risparmio del fotovoltaico. La scelta dell’impianto giusto quindi è fondamentale. Ma bisogna anche considerare quali sono le fasce della giornata nelle quali si consuma di più, per capire quale è la soluzione migliore per le proprie esigenze.

Ecco quindi che salta all’occhio la differenza fra il fotovoltaico con e senza accumulo, due sistemi diversi ma comunque indicati per esigenze diverse.

Il fotovoltaico ad accumulo è conveniente?

La vera domanda da porsi non è se il fotovoltaico a batterie sia conveniente o no, ma se sia conveniente nel proprio caso. Infatti il grande limite dell’impianto solare classico consiste nel fatto che quando cessa l’irradiazione solare cessa anche la produzione di energia. Così non appena cala la sera, la famiglia con il fotovoltaico dovrà usare la rete elettrica per il consumo energetico quotidiano.

La maggior parte dei consumi elettrici, però, avviene proprio la sera. Quando si torna a casa dal lavoro e tutta la famiglia si riunisce, si usa la tv, gli elettrodomestici, si cucina e via dicendo. In queste ore serali, quando non è presente l’irradiazione solare per il fotovoltaico, i consumi vanno addebitati alla rete elettrica e questo spesso vanifica i risparmi. Il fotovoltaico ad accumulo è pensato proprio per evitare questo problema.

In parole semplici, questo sistema è dotato di batterie di diverso tipo che accumulano durante le ore del giorno l’energia solare consentendo alla famiglia di usarla nelle ore notturne. In sostanza le batterie del fotovoltaico ad accumulo agiscono come una riserva di dimensioni più o meno ampie. L’energia del sole convertita in energia elettrica durante le ore di irradiazione solare viene conservata così che possa esser usata anche la sera e di notte. In questo modo si può massimizzare al 100% l’utilità dell’impianto fotovoltaico, perché non ci sarà bisogno di attaccarsi alla rete Enel quando cala la sera. Se quindi la tua famiglia trascorre tante ore al giorno fuori casa e la sera si concentrano i consumi maggiori, il fotovoltaico ad accumulo resta assolutamente l’investimento migliore.

Controllare i consumi

Come sapere se il fotovoltaico ad accumulo è effettivamente la scelta migliore per le proprie esigenze? Bisogna controllare il contatore per sapere in quali fasce della giornata ci sono i consumi energetici maggiori. La fascia A3 è quella serale, la A2 pomeridiana: se i consumi energetici si collocano specialmente nella fascia A3 e sono normali o trascurabili durante il giorno, allora vale la pena fare un preventivo per il fotovoltaico con batterie.

In questo modo si ottimizza l’impianto fotovoltaico ed il suo utilizzo, facendo un investimento intelligente e risparmiando realmente sulle bollette, perché si ricorrerà solo occasionalmente – in alcuni casi mai – all’uso della rete elettrica.

I tipi di accumulatori

Non esiste un solo tipo di fotovoltaico a batterie. Gli accumulatori, ovvero le batterie che immagazzinano durante il giorno la luce del sole e che la tengono per la sera, sono di diverso tipo. Hanno costi differenti, e anche qualità e durata di vita diverse.

  • Batterie al piombo acido. Sono sicuramente la scelta più conveniente dal punto di vista economico, ma hanno una durata abbastanza limitata ed un elevato peso specifico, inoltre hanno dimensioni abbastanza grandi.
  • Batterie al nichel cadmio. Possono accumulare energia anche a basse temperature.
  • Batterie al nichel. Hanno una capacità di accumulo che supera anche di tre volte quella delle precedenti. Hanno una lunga durata e bassi costi di manutenzione.
  • Batterie agli ioni di litio. Si tratta di un modello abbastanza moderno ed in continua evoluzione tecnologica. Costano molto ma hanno anche un’alta durata di vita.

Costi del fotovoltaico ad accumulo

La percentuale di convenienza di un impianto fotovoltaico ad accumulo dipende, come abbiamo detto, dalle abitudini familiari di consumo energetico. Se i consumi sono concentrati soprattutto durante il giorno e nella fascia serale, allora la soluzione delle batterie può essere quella vincente per la vostra famiglia, portandovi a risparmiare molti soldi dalle bollette. Il costo di un fotovoltaico ad accumulo consiste nel costo di un impianto classico, con più quello delle batterie che possono costare alcune migliaia di euro. Si tratta di un investimento che, a seconda anche della quantità di kW consumati dalla famiglia, può essere più o meno importante. Tuttavia grazie al grosso risparmio sulle bollette è possibile rientrare nell’investimento nell’arco di pochi anni, ad esempio optando per il risparmio garantito dalla detrazione fiscale al 50% sull’impianto fotovoltaico a batterie.

Lo Stato mette a disposizione una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto di impianti a luce solare, fino al costo di 96mila euro massimo. I soldi spesi per la costruzione ed installazione dell’impianto (batterie incluse) possono tornare indietro come risparmio IRPEF spalmato in dieci anni. Un impianto ad accumulo quindi conviene se i vostri consumi sono soprattutto nelle ore serali e se volete rendervi quasi completamente indipendenti dalla rete elettrica ENEL, investendo in maniera intelligente sull’energia pulita. Se volete sapere di più sugli impianti con e senza batterie contattateci e saremo lieti di darvi delucidazioni e di farvi un preventivo per scoprire assieme quanto potete risparmiare con la luce solare. Volete qualche informazione sull’impianto perfetto per voi? Contattateci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.