Fotovoltaico

La convenienza del fotovoltaico

La convenienza del fotovoltaico

Le bollette sono un costo non indifferente per una famiglia e la convenienza economica una scelta necessaria. Cercare di tagliare i costi dei consumi è una preoccupazione lecita per tutti. Tuttavia non è sempre facile rendersi indipendenti o quasi dall’uso dell’energia elettrica della rete. Un grande vantaggio può derivare dall’utilizzo della c.d. energia pulita, che consente di sfruttare energia rinnovabile a costi ridotti.

Il fotovoltaico, ad esempio, è un sistema che consente di ottenere elettricità direttamente dalla luce del sole, a costi davvero diminuiti. Il fotovoltaico conviene per diversi motivi, come vedremo. Si tratta di un investimento economico che viene ampiamente ripagato nel corso degli anni e che permette di gestire al meglio le esigenze energetiche della famiglia, secondo i propri bisogni.

Molte famiglie pensano alla convenienza di installare un impianto fotovoltaico sui tetti di casa, e ovviamente questo comporta costi e calcoli per l’investimento. Quali sono i principali motivi che portano le persone ad optare per il fotovoltaico nel 2019? Possono essere diversi.

Perché scegliere il fotovoltaico?

Perché oggi si sceglie un impianto fotovoltaico per la casa? Come abbiamo detto i motivi sono i più svariati.

  • Per dire addio alle bollette alte. Le bollette sono un costo non indifferente soprattutto oggi, quando nelle nostre case tantissimi strumenti funzionano ad elettricità. Così elettrodomestici, tv, luce, e via dicendo. Attaccarsi alla rete elettrica risulta sempre meno conveniente, invece la possibilità di poter produrre energia per sè e la propria famiglia garantisce un certo risparmio. Grazie ad un impianto fotovoltaico si può produrre lo stesso quantitativo di energia che si consuma ed in alcuni casi anche di più. Si ottengono così tanti vantaggi ed inoltre la bolletta si può ridurre di moltissimo. Grazie ad un uso del fotovoltaico è possibile risparmiare anche 700 e più euro all’anno.
  • Un investimento che rientra. Creare un impianto fotovoltaico è costoso ma è un investimento che rientra nel tempo, con tantissimi vantaggi. In un periodo che dipende sia dai consumi che dal tipo di impianto, comunque in genere fra i 6 ed i 10 anni, si può ammortizzar tutta la spesa e cominciare davvero a vivere senza pagare la corrente elettrica. Un sogno? Una realtà, grazie al fotovoltaico.
  • Aumentare il valore dell’immobile. Il fotovoltaico è in grado di incrementare il valore dell’immobile già dalla sua installazione. Si tratta infatti di un investimento che migliora la qualificazione energetica dell’immobile e che lo rende più di valore sul mercato, grazie alla classe energetica superiore.
  • I costi di manutenzione sono ridotti. Un impianto fotovoltaico non ha grandi costi di manutenzione, anzi. Solo l’Inverter va tenuto d’occhio ed ha una durata di vita di circa 10 anni, ma per il resto con una semplice occhiata ogni anno l’impianto si gestisce senza costi.
  • Non preoccuparsi più dell’aumento della corrente. L’aumento del costo della corrente è continuo e preoccupa le persone. Grazie al fotovoltaico è possibile illuminare e riscaldare la casa senza doversi preoccupare dell’aumento dei costi dei combustibili fossili che pesano tanto sul bilancio familiare.
  • Diventare green. Infine, il fotovoltaico è energia pulita, semplice, conveniente e amica dell’ambiente. Come vedremo, vi è la possibilità di accedere ad incentivi statali grazie al fatto che il fotovoltaico è un sistema amico dell’ambiente e come tale incentivato a livello nazionale.

Il fotovoltaico: convenienza per la bolletta

I costi del fotovoltaico sono diminuiti in maniera esponenziale negli ultimi dieci anni. Oggi un impianto fotovoltaico da 3 kW, quello che in genere garantisce la soddisfazione del fabbisogno di una famiglia media, ha un costo di circa 5-6mila euro rispetto ai 10-12 mila euro di qualche anno fa. A questo bisogna aggiungere anche la detrazione fiscale IRPEF del 50% che viene garantita dal Governo a chi installa un impianto fotovoltaico per uso residenziale. Insomma, i costi sono diminuiti: i vantaggi dell’energia pulita invece non diminuiscono mai.

Un sistema ad energia solare garantisce un ottimo risparmio sulla bolletta della luce. L’autoconsumo di energia azzera i costi fissi della bolletta come: quelli per la spesa materia energia (ovvero i costi materiali dell’energia, che sono circa il 50% della bolletta) e la spesa per il trasporto dell’energia e la sua gestione.

Non solo. Una voce della bolletta che tocca quasi il 16% del totale è data dai c.d. ‘spese per oneri di sistema’, che è una spesa che si paga sull’energia e che è una delle voci più oscure di tutta la bolletta stessa. Infine, anche accise ed IVA hanno il loro peso sulla bolletta energetica. Grazie al fotovoltaico potete dire addio a tutti questi balzelli e diventare autonomi nella produzione e consumo di energia elettrica per la vostra casa e famiglia. Potete scegliere fra diversi modelli di impianto fotovoltaico quello che meglio sposa le vostre esigenze. Ad esempio per alcuni è più conveniente il fotovoltaico ad autoconsumo, per altri quello ad accumulo.

Impianto ad accumulo e autoconsumo: quale conviene?

Spesso quando si fanno dei preventivi per l’acquisto di un impianto fotovoltaico ci si chiede se ci sia più convenienza in quello ad autoconsumo o quello con batterie, detto anche ad accumulo. La verità è che non esiste un impianto più favorevole o conveniente ma solo uno che meglio si sposa con le proprie esigenze. Infatti ogni famiglia ha delle esigenze differenti e sulla base di esse bisognerebbe scegliere.

Ad esempio se utilizzate l’impianto soprattutto durante le ore del giorno e poco la sera, il fotovoltaico ad autoconsumo è la soluzione migliore. Quando l’impianto va con la luce del sole la corrente viene immessa ed utilizzata direttamente dalla casa. Quello a batterie invece accumula la corrente in batterie per permettere di usarla anche quando non c’è il sole, la sera e di notte. In questo caso, l’impianto fotovoltaico si adatta alle esigenze delle persone che consumano energia soprattutto nelle ore serali e notturne. Se non si avesse un fotovoltaico ad accumulo, in queste ore, quando il sole non c’è, bisognerebbe fare riferimento alla rete elettrica e vanificare così i risparmi. Grazie ad un investimento nelle batterie per fotovoltaico si può continuare ad usare la luce solare sotto forma di corrente in ogni ora del giorno. La scelta dipende dalle vostre esigenze, sulla base delle quali trovate la convenienza.

3 Replies to “La convenienza del fotovoltaico”

  1. […] preoccupazione di chi installa un impianto fotovoltaico consiste nel fatto che esso possa essere eccessivamente costoso. In realtà i costi del […]

  2. […] costo del fotovoltaico negli ultimi anni è molto diminuito. Oggi come oggi un impianto da 3 kW costa circa 6mila euro, mentre invece fino a qualche anno fa lo […]

  3. […] vero e proprio, ovviamente, concilia concretamente nel momento in cui si termina di ammortizzare l’investimento iniziale. Il tempo nel quale in genere si ammortizza l’investimento è fra i 6-7-10 anni a seconda del […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.