Fotovoltaico

Scegliere il fotovoltaico perfetto per le proprie esigenze

Scegliere il fotovoltaico perfetto

Sono sempre di più le persone interessate a investire, o a reinvestire, nell’energia pulita. Il tema dell’energia green del resto è straordinariamente attuale e permette di potersi rendere autosufficienti dalla rete elettrica e di risparmiare. Fra le modalità migliori per ricavare energia pulita dalla natura vi è il fotovoltaico. Si tratta di un sistema che consente di ricavare energia direttamente dalla luce del sole per mezzo dell’utilizzo delle radiazioni solari, che vengono convertite in energia elettrica. In questo modo è possibile sfruttare l’energia pulita, rinnovabile ed inesauribile del sole per poter ottenere energia elettrica.

La scelta dell’impianto fotovoltaico perfetto può sembrare banale ma non lo è neppure un po’. Infatti esistono tanti modelli diversi di impianto fotovoltaico e si adattano ad esigenze a loro volta differenti e specifiche. Un investimento di questo tipo impiega dai 7 ai 10 anni per poter rientrare dal punto di vista economico, per questo la scelta deve essere accurata e fatta nel dettaglio. Infatti esistono diversi tipi di impianto come ad esempio quello ad accumulo, che consente di conservare l’energia elettrica per poterla utilizzare anche durante le ore della notte, quello classico a scambio sul posto e via dicendo. Oltre a ciò è importante scegliere anche un sistema fotovoltaico della giusta dimensione, cioè che produca sufficiente energia elettrica, né troppa né poca. Insomma, le variabili da considerare quando si vuole acquistare un impianto fotovoltaico non sono certo poche. Ma come si sceglie un impianto? Vediamo qualche consiglio utile che potrebbe aiutarvi a orientarvi nella scelta dell’impianto fotovoltaico perfetto per le vostre esigenze.

La taglia dell’impianto fotovoltaico

Una prima cosa da valutare nell’acquisto dell’impianto fotovoltaico è la taglia dello stesso, ovvero le sue dimensioni e capacità. L’impianto va correttamente dimensionato sulla base dei reali consumi della famiglia. Se non si fa così, si rischia di investire molti soldi in un fotovoltaico che produce troppa energia rispetto a quella necessaria (e che viene reimmessa nella rete). Oppure, al contrario, troppo poca, costringendovi ad usare quella della rete con costi in bolletta. L’impianto è da dimensionare sulla base dei consumi effettivi che si desumono dalle bollette negli anni ed anche dai preventivi, che permettono di capire quali saranno i consumi stimati futuri.

Sulla base di queste valutazioni è possibile impostare il kW di base del proprio impianto fotovoltaico in modo che sia correttamente dimensionato alle esigenze familiari. L’impianto è da impostare su misura per la famiglia: per alcune famiglie un modello da 3kW è giusto, per altre è insufficiente. La scelta dipende anche dal luogo dove si vive, se è molto piovoso e nuvoloso o più soleggiato, dipende dall’altitudine ecc. Come avere consigli in questo senso? Noi siamo disponibili per preventivi ad hoc per la scelta del vostro impianto fotovoltaico perfetto, tenendo conto delle vostre esigenze energetiche.

Sistema ad accumulo o scambio sul posto?

Assieme alla scelta delle dimensioni dell’impianto fotovoltaico bisogna anche optare per il tipo di impianto: ad accumulo o con scambio sul posto? Non si tratta di due soluzioni uguali, anzi. Il fotovoltaico con accumulo è dotato di batterie di vario tipo e capacità che consentono di accumulare energia elettrica in modo da poterla usare anche quando manca la fonte diretta, il sole. Ad esempio la sera e di notte, l’impianto fotovoltaico non è in funzione, e questo significa che per soddisfare il fabbisogno energetico in queste ore bisogna connettersi alla rete elettrica. Questo costo, però, è addebitato in bolletta.

Per evitare una situazione di questo tipo, l’impianto ad accumulo è la soluzione perfetta. Esso consente di conservare una parte dell’energia per gli orari in cui la luce del sole manca. L’impianto a batterie richiede un investimento più intenso rispetto a quello richiesto per il fotovoltaico classico a scambio sul posto tuttavia consente di raggiungere fino all’80% di soddisfazione dell’autoconsumo, a differenza di quello classico.

Impianto con scambio sul posto

L’impianto fotovoltaico con scambio sul posto produce energia elettrica che è immediatamente usata. Quella in più è ceduta nella rete al gestore, e quando di sera si usa energia elettrica si realizza una sorta di ‘compensazione’ con l’energia ceduta. Se l’energia ceduta è più di quella che usata quando l’impianto fotovoltaico non è in funzione, allora il GSE riconosce un contributo annuale o quadrimestrale di rimborso.

Cedere l’energia elettrica alla rete comunque non è mai conveniente. Ogni kW prodotto dal sistema fotovoltaico e ceduto al gestore è valutato meno rispetto al suo valore sul mercato. La scelta dell’impianto fotovoltaico migliore dipende non solo dalla quantità di consumi ma anche dalla loro collocazione temporale.

Impianto fotovoltaico chiavi in mano

Una delle soluzioni commerciali più usate negli ultimi tempi è quella dell’impianto chiavi in mano. Si tratta di una soluzione che permette di ottenere un impianto fotovoltaico di alta qualità compreso anche di installazione, spesso anche garanzia e molto sovente contratto di manutenzione per alcuni anni. Il pacchetto completo del fotovoltaico chiavi in mano consente di poter installare l’impianto, il collaudo finale, la sua messa in funzione e anche la gestione di tutte le pratiche burocratiche che sono connesse.

Costi dell’impianto fotovoltaico

Una delle domande più ricorrenti che riguardano l’impianto fotovoltaico è il suo costo. Il costo dell’impianto fotovoltaico è diminuito e di molto negli ultimi anni, arrivando quasi a dimezzarsi. Questo perché la tecnologia per il fotovoltaico negli ultimi anni è migliorata ed è accessibile sempre a più persone. I costi sono circa sui 6mila euro per un impianto di scambio sul posto da 3 kW, e salgono a 1-1500 euro per kW se si aggiunge anche la batteria. In ogni caso è possibile usufruire di una interessante detrazione fiscale.

La detrazione fiscale del 50% IRPEF come bonus per il fotovoltaico è valida ancora fino al 31 dicembre 2019 e consente di usufruire dell’impianto fotovoltaico perfetto per le proprie esigenze. Grazie a questa soluzione, l’impianto diventa un vero investimento ancora più vantaggioso dal punto di vista economico. Volete investire anche voi nel fotovoltaico? Scegliete con noi l’impianto perfetto. Siamo a disposizione per consigli di investimento su questo prodotto per rendervi autosufficienti dal punto di vista energetico e aiutarvi a risparmiare.

2 Replies to “Scegliere il fotovoltaico perfetto per le proprie esigenze”

  1. […] parzialmente autosufficiente dal punto di vista energetico. Come risparmiare sulla bolletta? Il fotovoltaico può darci una mano a produrre energia rinnovabile che può essere usata per l’alimentazione […]

  2. […] ma è più che altro una compensazione economica fra l’altro a basso costo. Questo tipo di impianto consente di usare l’energia elettrica dal sole fino a che è presente l’irradiazione solare, tuttavia la sera, quando non c’è sole, […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.